4 Vantaggi Esclusivi

solo se prenoti sul nostro sito!

A questo piatto è stata dedicata una manifestazione nella località di San Vito Lo Capo, il cous cous Fest, che si svolge a settembre.

Cous Cous alla Trapanese

A questo piatto è stata dedicata una manifestazione nella località di san vito lo capo, il cous cous Fest, che si svolge a settembre proprio nel corso principale della cittadina di San Vito lo capo. La preparazione del cous cous è molto complicata, bisogna lavorare la semola che con l'ausilio dell'acqua finchè non si ottengono dei piccoli grumi rotondi, “l'incocciata”. Preparata la semola la si condisce con olio, sale, pepe ed un po' di cipolla tagliata finemente.
Con le rimanenti cipolle, tagliate a fette larghe, si fodererà invece la “pignata”, un apposito recipiente di terracotta con dei buchi sul fondo, simile ad un colapasta nel quale si verserà il Cous Cous già condito. Inizia dunque la fase di cottura a fuoco bassissimo che durerà circa due ore.

Molto importante è che l'acqua contenuta nella pentola a contatto con il fuoco non tocchi mai la semola contenuta nella pignata che sta sopra.
Pronto il cous cous , si verserà nella mafaradda e si condirà col brodo della zuppa; si coprirà con una coperta di lana e si lascerà riposare due ore prma di servire. Nel contempo, preparare la zuppa di pesce quali scorfano , gronco , anguilla , cernia , coccio , faciano , uope. Aggiungendo pomodori pelati e senza semi al soffritto in tegame, allungate con il brodo di cottura del pesce. Lasciate insaporire la salsa creata e versate poi in tegame un pugno di mandorle tritate e del prezzemolo. Avrete intanto provveduto a scoppiare la cozze mettendole in un tegame senza acqua ed a fuoco basso. Toglietele dai gusci e mettetele assieme ai gamberi lessati, che serviranno per guarnire la pietanza.a cucina siciliana è fra le più note per sapori intensi, colori brillanti. La pasta con le sarde o col nero delle seppie, il pesce spada, la pasta reale, la cassata e i cannoli alla ricotta sono sinonimo dell'anima culinaria della sicilia.
Tutte le civiltà che hanno dominato l’Isola hanno lasciato traccia nelle cucine dei siciliani del loro passaggio. Numerose le dominazioni, dai greci, che hanno dato una nuova impronta all’uso dei cereali e dell’ulivo, ai romani; dai fenici agli arabi che hanno impreziosito le cucine con l’anice, la cannella, il sesamo, lo zafferano.

Ingredienti per 4 persone:

  • Per il cous cous: semola grossa gr. 500, semola fina gr. 500, cipolle 2, olio, sale, pepe.
  • Per la zuppa: pesce misto da brodo kg. 1, gamberi puliti gr. 300, cozze kg. 2, pomodori maturi o pelati kg. 1, aglio 1, cipolla 1, prezzemolo, mandorle tritate gr. 200.